Perché è famosa Ginevra? Perché nelle statistiche ufficiali è considera una delle città più ricche della Svizzera e più vivibili d’Europa. Colpisce allora che in un paradiso come questo possa esserci un’azienda che chiude. E’ successo e si è mobilitata un’intera cittadina. Ecco come.

A Ginevra, qualche giorno fa è stato chiuso uno stabilimento della Merck-Serono, una multinazionale che aveva sempre avuto una sede nella città del cantone sudoccidentale. La chiusura ha determinato la perdita del posto di lavoro per qualche migliaia di dipendenti.

In Svizzera, la città, non ha reagito come Termini Imerese alla chiusura dello stabilimento Fiat. Tutti i cittadini della cantone hanno pensato di aiutare questo centro in crisi vicino al Lago Lemano, anche perché il cantone di Ginevra ha annunciato di non voler assolutamente aiutare fiscalmente il colosso dell’assistenza medica.

Il sindacato di riferimento ha organizzato dei banchetti informativi per chi rimarrà senza lavoro. Ha sottolineato tra l’altro alle autorità che si tratta di lavoratori molto specializzati, tra cui figurano soprattutto ricercatori di laboratorio, non operai e personale di produzione.

Il loro stipendio minimo era pari a 3.200 euro. Difficile anche riallocare queste 1250 risorse. La dismissione del certo avverrà dal prossimo mese e si completerà nel primo semestre del 2013.