(Finanza.com) Il tasso di crescita registrato dal Pil cinese nel terzo trimestre 2012 (+7,4% annuo) non sorprende affatto gli esperti di Fitch Ratings. “La crescita registrata nel terzo trimestre – rimarca la nota appena diffusa dall’agenzia di rating – è in linea con la nostra attesa di rallentamento della crescita reale nel range 7%-8% stimata nel periodo 2012-2014″, inferiore rispetto al ritmo tra il 9% e il 10% tenuto dal 2008 al 2011. L’attuale rallentamento risulta comunque molto meno brusco di quello avvenuto durante la crisi finanziaria mondiale quattro anni fa e Fitch continua a pensare che l’economia cinese eviterà un “hard landing” (atterraggio duro).