(Finanza.com) Nonostante una prima parte promettente, gli indici a Wall Street hanno terminato la seduta con il segno meno. Il Dow ha chiuso con un rosso di mezzo punto percentuale (-0,51%) a 13.203,58 punti, -0,35% per lo S&P che dopo aver toccato i massimi dal maggio 2008 si è fermato a 1.413,17 punti e -0,29% del Nasdaq a 3.067,26. A livello di singoli settori +0,25% per il comparto finanziario all’interno del quale spicca il +2,5% di Citigroup, il +1,79% di JPMorgan ed il +0,4% di Morgan Stanley.

In particolare evidenza anche Apple (-1,37%) colpita dalle prese di beneficio dopo esser diventata la società con il maggiore valore di Borsa di tutta la storia. Tra le altre storie del giorno -1,38% per Best Buy che nel giorno dei conti trimestrali ha annunciato la sospensione della guidance per i prossimi mesi. Segno meno anche per Barnes & Noble (-3,89%) mentre Urban Outfitters (+18,22%) ha chiuso in rally grazie al +8,1 ed al +11 per cento registrato da utili e ricavi nel secondo trimestre. -1,75% per Dell che dopo la chiusura ha annunciato che l’utile adjusted del Q2 si è attestato a 50c, 5 centesimi sopra le attese, mentre i ricavi hanno deluso attestandosi a 14,5 miliardi (consenso 14,6 mld). Lettera infine per Groupon e Google (-2,37 e -0,89%). Il colosso dei coupon è risultato penalizzato dalla bocciatura a “underweight” da parte di Barclays mentre Standard & Poor’s ha messo il rating “AA-” di Google sotto osservazione con implicazioni positive.