Le borse statunitensi hanno chiuso la settimana senza grossi spunti, con i principali indici che hanno registrato variazioni leggermente positive solo grazie a un rally nel finale: lo S&P500 ha chiuso a +0,2%, il Dow Jones Industrial a +0,3% e il Nasdaq a +0,07%. A pesare sull’andamento delle borse nella prima parte di seduta è stato l’andamento peggiore delle attese delle esportazioni cinesi, che in luglio sono aumentate dell’1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno contro stime di consensus a +8%.

In calo Yahoo! e Cisco

A Wall Street è mancata oggi la bussola dei dati economici statunitensi, con nessun appuntamento di rilievo in calendario. Gli investitori si sono focalizzati sulle singole storie aziendali in attese dei numerosi dati macro che saranno pubblicati settimana prossima e che daranno un quadro sulle prospettive di crescita della maggiore economia mondiale. Tra i titoli a maggiore capitalizzazione, Cisco ha chiuso in ribasso dello 0,9% dopo che alcuni analisti hanno messo in dubbio le prospettive di crescita delle società.

Yahoo! ha perso il 5,4% dopo che si sono fatte largo le ipotesi che la società possa rivedere i propri piani strategici e rinunciare alla distribuzione dei profitti derivanti dalla vendita di Alibaba Group. Facebook è rimbalzata del 3,8% sulla scia delle speculazioni che il direttore finanziario abbia condotto oggi una serie di incontri con degli investitori di New York in anticipazione della fine del divieto per alcuni grandi azionisti della società di vendere i propri titoli in calendario tra qualche giorno.