Il governatore del Federal Reserve System, meglio conosciuto come Fed, la Banca centrale degli Stati Uniti, è un personaggio di una potenza enorme, dato il suo ruolo. A lui spetta regolare l’afflusso di dollari nel mondo, sua è la politica monetaria di quella che è ancora la maggiore economia del pianeta, pur con tutti i suoi problemi di bilancio pubblico.

Da gennaio, quando entrerà in carica, o dalla sera del 9 ottobre, quando verrà formalizzata la nomina presidenziale, il termine “lui” non sarà più di moda. Infatti per la prima volta nella storia sarà una donna a ricoprire tale ruolo. Janet Yellen prenderà il posto di Ben Bernanke come “chairman of the board”, presidente del consiglio d’amministrazione. La Yellen ricopre attualmente la posizione di vicepresidente.

Il governatore della Fed cambia ogni quattro anni. Viene nominato dal presidente degli Stati Uniti e tale nomina deve essere confermata dal Senato. Il fatto che questa volta tocchi ad una donna sta destando sensazione, anche sui social network. Su Twitter il suo nome è tra le prime dieci posizioni nelle tendenze, sia mondiali che italiane. Per un banchiere, non c’è male.

Janet Yellen ha 67 anni. Economista e docente universitario ad Harvard, la sua carriera professionale si è svolta principalmente nel circuito bancario federale. Dal 1997 al 1999 ha presieduto il collegio di consiglieri economici del presidente Bill Clinton. Dal 2010 è vicepresidente della Fed. Molti osservatori la davano come favorita alla successione di Bernanke già nel 2009, prima che quest’ultimo venisse poi confermato da Barack Obama.

Qui sotto il flusso di messaggi Twitter legato al nome di Janet Yellen.