Mediaset si è aggiudicata i diritti tv per l’esclusiva di tutte le partite di Champions League per tre anni, dal 2015 al 2018.
Battuta Sky, che con Mediaset Premium attualmente trasmette le partite di Champions e quelle di Europa League e che terrà l’esclusiva per l’edizione  di Champions League della prossima stagione ad eccezione di una partita del mercoledì, che sarà invece trasmessa in esclusiva su uno dei canali gratuiti del Biscione.

Per le stagioni 2015-2016, 2016-2017 e 2017-2018, dunque, Mediaset trasmetterà in esclusiva tutte le partite della competizione più prestigiosa del Vecchio Continente, gran parte a pagamento (Mediaset Premium) e una partita per turno su uno dei suoi canali gratuiti.
E l’esclusiva riguarda anche la Supercoppa Europea, la possibilità di trasmettere tutte le partite in differita, gli highlights, i gol già nella serata stessa del turno e la diretta streaming su ogni dispositivo fisso e mobile.
Per quanto riguarda la prossima stagione, la partita del turno del mercoledì sarà trasmessa in esclusiva solo sulle reti Mediaset gratuite in HD.

L’operazione, si legge in un articolo di Repubblica, costerebbe al Biscione circa 700 milioni di euro,  quasi 250 milioni a stagione, una cifra non lontana da quanto già spende ogni anno per il campionato di Serie A e che conferma il calcio quale asset portante della pay tv di Cologno Monzese.
Ma l’operazione, sottolinea il quotidiano romano, rientrerebbe in un progetto di più ampio respiro, quello  cioè di trovare al più presto un nuovo socio e, quindi, nuova liquidità per coprire i buchi di bilancio e i fabbisogni finanziari in attesa dei proventi dell’esclusiva Tv appena conquistata.
Anche se, si legge sempre su Repubblica, non mancano coloro che credono che Mediaset abbia già concluso un accordo con un nuovo partner in vista della nascita della newco che dovrà gestire le attività pay Tv di Spagna e Italia.

photo credit: AndyNugent via photopin cc