La certificazione unica (Cu) sostituisce da quest’anno il Cud e ogni altra certificazione rilasciata dall’Inps. Cosa bisogna fare per ottenere questo documento? Le possibilità sono molteplici. Il modo più semplice è quello a disposizione dei soggetti che sono in possesso del Pin dispositivo dell’Inps. In questo caso basta collegarsi al sito internet dell’ente previdenziale e cliccare in homepage sul banner “certificazione unica 2015“.

Si può ottenere questo documento anche recandosi materialmente in una delle sede territoriali dell’Inps, e poi richiedendo la certificazione unica direttamente ad uno sportello – in alternativa si può utilizzare una macchinetta informatica self service usando la propria tessera sanitaria.

Un altro modo per ottenere la documentazione è rappresentato dalla richiesta via posta elettronica alla sede più vicina – meglio farlo con la Pec ma basta anche un e-mail semplice. Oltre alle vie che vi abbiamo raccontato c’è sempre la possibilità di ricorre all’aiuto degli Enti di Patronato, dei centri di assistenza fiscale (Caf), dei professionisti abilitati con Inps, o dei comuni e delle altre pubbliche amministrazioni che hanno un punto cliente Inps.

E’ stata prevista anche la possibilità che il pensionato che richieda la Certicazione unica non sia in grado di recarsi fisicamente ad uno sportello – e che ovviamente non sia in grado di utilizzare il computer. Questi soggetti possono telefonare al numero verde 800/43.43.20 – oltre ai numeri già presenti, ovvero 803.164 – è gratuito – e 06/16.41.64 – a pagamento da cellulare – e farsi inviare a casa la certificazione unica.

Questa possibilità è stata data anche a chi risiede all’estero. In questo caso i numeri dedicati sono lo 06/59.05.80.00 e 06/59.05.31.32 (ovviamente se si telefona dall’estero bisogna aggiungere il prefisso 00.39). Queste operazioni possono essere svolte anche da delegati oppure dagli eredi in caso di decesso dei soggetti che hanno percepito le pensioni.

L’erede deve fornire una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà – che serve per attestare la propria qualità di erede, unitamente alla fotocopia del proprio documento di riconoscimento.