La visita al Cersaie 2013, ha denotato immediatamente la sensibile riduzione degli espositori, e tra questi, non sono mancate anche “vittime illustri”.

Tralasciando le motivazione di questo importante cambiamento, passiamo all’analisi più interessante: le proposte delle aziende.

La crisi che ha investito l’ovest europeo e gli States, e la crescita di nuovi mercati, ha indotto le case produttrici di sanitari, rubinetteria, piastrelle, a rivedere le proprie linee, in modo da rendere “appetibili” i propri prodotti, ai nuovi mercati.

La sensazione forte girando tra i padiglioni, è la percezione di un improvviso arresto dello sviluppo del design, a favore della ricerca sistematica della finitura ammiccante verso i nuovi mercati.

Così tante texture arabeggianti, rococò, un abuso dell’oro e degli Swarovski, non si era mai visto! L’impiego a mio avviso è eccessivo. Anche perché, rivedere le forme sviluppate nei precedenti anni, il design Made in Italy che primeggiava nelle forme esposte, oggi l’ho trovato rivestito con abiti d’oro e Swarovsky. In alcuni casi, l’inserimento del prezioso cristallo è così fuori luogo, da far cadere nell’assurdo il prodotto.

Non sono meno le linee di sanitari, o mobili da bagno e persino delle piastrelle!

Basti pensare che alcune aziende di santiari, hanno rispolverato vecchie linee oramai in disuso, rivisitate e rilanciate per i gusti di chi sta verso Est. Oppure mobili da bagno in Art Nouveau, a volte accompagnato da didascalie in sola lingua russa; o ancora mosaici che competono con i disegni e i pavimenti dell’Alhambra di Granada. La texture arabeggiante, è presente persino sui pannelli di cristallo della Vismara, box doccia!

Curioso lo stand di Antonio Lupi: vietato come sempre fare foto (ho cercato di spiegare ai cari signori che basta aprire una pagina Google per scaricare le foto dei loro prodotti);  e poi due banchi dedicati ai soli visitatori stranieri, di cui uno ai soli visitatori russi. Con tanto di hostess madrelingua. Come sempre comunicare con lo staff di Lupi è quasi impossibile. Quindi, non riporterò nei prossimi post nulla, non avendo ricevuto nessuna informazione.

Ma siamo in Italia, e le aziende italiane non possono resistere alla ricerca del design. E in mezzo a tanto oro e cristallo, qualcosa risalta. Seguiteci in questo viaggio tra le novità proposte, al Cersaie 2013.