La scelta della casa d’acquistare o da fittare è un’operazione complessa, sia perché nell’arco di una vita capita poche volte, sia per i tanti aspetti da valutare.

Tra i fattori che influenzano la scelta, la localizzazione dell’immobile merita un’attenzione particolare: il dilemma tra città e hinterland è un bilancio tra convenienze e qualche svantaggio.

Uno degli aspetti che balza immediatamente all’occhio sono i costi: un’abitazione posizionata in una zona più periferica comporta costi senza dubbio inferiori rispetto al centro della stessa; i prezzi a metro quadro di soluzioni con le stesse condizioni e metrature, sono nettamente inferiori.

Perciò quando è conveniente davvero acquistare casa a cifre più vantaggiose ma posizionandosi lontano dal centro?

Considerando che i costi d’acquisto di un immobile nell’hinterland sono inferiori rispetto a uno analogo ma in centro città, sarà molto utile avviare un’analisi sulla rete di trasporti, ad esempio, che serve i dintorni della zona prescelta. La presenza di metropolitana, treno, imbocco di tangenziale o autostrada sono fattori che possono fungere da vero ago della bilancia. La possibilità di ottimi collegamenti urbani e suburbani sono aspetti molto importanti in quanto determineranno costi e tempi per gli spostamenti verso il luogo di lavoro e non solo.

Oltre ai prezzi d’acquisto ed eventuali maggiorazioni di costi e tempi per gli spostamenti, scegliere di vivere lontani dal centro significa però garantirsi una qualità della vita superiore; questo grazie alla possibilità di poter vivere tra spazi verdi e lontani dal caos cittadino, aspetto non secondario.

Non dimentichiamo poi che l’inferiore prezzo al metro quadro delle abitazioni permette acquisti di immobili di metrature maggiori, fino all’acquisto di una soluzione indipendente, questa molto difficile in città, se non a costi molto elevati.
Ma abitare lontani dalla città spesso comporta onerosi e scomodi spostamenti verso il luogo di lavoro; le lunghe code al mattino in tangenziale o sul raccordo e i treni spesso in ritardo sono causa di stress e malessere.

Quindi è evidente che vivere in città ha tutti i suoi vantaggi, questo però a discapito di spazi verdi, quiete e spesso di dimensioni maggiori degli spazi abitativi. Una scelta che richiede più di un compromesso.

Publiredazionale