Dopo lo shock subito dai titoli italiani in borsa, s’impone con urgenza l’accelerazione dei tempi per la chiusura della manovra economica, tanto che interviene sull’argomento anche Angela Merkel.

L’altro tema caldo sul piatto della finanza è il rincaro dei prezzi dei carburanti, che stanno varcando soglie elevate.

Il primo argomento all’ordine del giorno è la firma della manovra economica che dovrebbe essere un input importante per i mercati finanziari, oltre che per il risanamento dei conti pubblici.

Proprio per questo motivo, Tremonti, dopo soltanto un’ora di riunione a Bruxelles con i colleghi, ha deciso di abbandonare la seduta.

Il nostro Ministro dell’Economia dice ai giornalisti che dopo un giorno di intenso lavoro a Bruxelles, è arrivato il momento di tornare a Roma e chiudere il Bilancio.

Anche Angela Merkel, al telefono con il premier, ha espresso fiducia nella manovra italiana. La cancelliera tedesca ha quindi ribadito l’importanza di intervenire subito su risparmi e risanamento.

Per quel che riguarda il caro-carburanti, lo scenario sta diventando preoccupante per i consumatori a causa dei rincari senza fine. Le agenzie hanno battuto i dati relativi ai picchi massimi: vale a dire 1,665 euro per un litro di benzina e 1,520 euro per lo stesso quantitativo di diesel. I record sono stati registrati, ancora una volta, nelle regioni del Sud.