Molti cittadini italiani stanno ricevendo la bolletta dell’energia elettrica di luglio in cui è compreso anche il canone Rai (che in realtà si chiama canone per il possesso dell’apparecchio televisivo). Una novità che era stata annunciata da molti mesi ormai e che adesso si è concretizzata. Una novità che presenta ancora qualche lato oscuro, visto che i disagi segnalati sembrerebbero essere molti. Così tanti da costringere l’Agenzia delle Entrate ad assicurare che a breve scatteranno i rimborsi.

I disagi principali si sono verificati per i cittadini che si sono visti addebitare due volte il canone Rai (per via del fatto che nello stesso nucleo familiare vi sono più abitazioni intestate a componenti diversi), oppure per chi non avrebbe dovuto pagarlo in quanto beneficiario dell’esenzione e che invece se l’è visto comunque addebitare in bolletta. Insomma, la rivoluzione del canone Rai in bolletta non è partita per il meglio e i disagi segnalati sono piuttosto numerosi. Per questo motivo l’Agenzia delle Entrate ha assicurato che a breve saranno concessi rimborsi mentre per coloro che ad esempio si sono visti addebitare due volte il canone Rai è possibile pagarlo una volta soltanto e poi chiedere l’esonero per la seconda utenza.

Chi avesse erroneamente pagato somme non dovute per il canone Rai, deve invece aspettare il 4 agosto, giorno in cui l’Agenzia delle Entrate dovrebbe diramare un provvedimento ad hoc che fornisca indicazioni in merito ai rimborsi. Il provvedimento chiarirà quali sono le modalità e le tempistiche per ottenere i propri soldi indietro e finché non sarà reso noto non sarà possibile inoltrare alcuna domanda.