Il canone Rai è destinato a scendere ulteriormente a partire dall’anno prossimo. L’ha assicurato il Premier Matteo Renzi, che dopo aver introdotto il pagamento della tassa per il possesso dell’apparecchio televisivo all’interno della bolletta dell’energia elettrica, si dice pronto a far calare ancora il totale da pagare.

Il canone Rai era già sceso da 113 a 100 euro dal momento in cui il pagamento è stato reso obbligatorio attraverso l’addebito sulla bolletta energetica. A partire dal 2017 la somma dovrebbe ulteriormente calare, passando dagli attuali 100 ai 90 euro, con un taglio di ulteriori 10 euro dunque. La novità è stata inserita all’interno della legge di Bilancio del prossimo anno, che il Consiglio dei Ministri ha approvato sabato scorso.

Un provvedimento, quello dell’ulteriore abbassamento del canone Rai, che è senz’altro dovuto al fatto che con l’addebito in bolletta il tasso di evasione dell’imposta risulta certamente molto più basso. E a parte il totale della somma che i contribuenti devono allo Stato, tutta la normativa finora valida per il canone Rai resta invariata. Le norme che regolano l’esenzione dalla tassa e le modalità di pagamento(dieci euro al mese sulle bollette della luce) restano dunque valide. Il Ministero dell’Economia ha tra l’altro fatto sapere che da quando sono state introdotte le nuove modalità di riscossione del canone Rai la cifra pagata dagli utenti ha toccato quota cento milioni di euro.