La spending review, per quanto discutibile, introduce una serie di modifiche alle norme che regolano il calcolo del reddito d’impresa, per esempio variando la disciplina relativa alle auto aziendali. Ecco come cambia. 

Il prossimo anno le imprese dovranno rispettare nuove norme per quanto riguarda la deduzione dei costi per le auto aziendali che prima era del 40% ed ora sarà soltanto del 27,5%. Non solo, adesso sono stati sciolti alcuni dubbi in merito all’uso dell’auto aziendale.

Fino a questo momento ci potevano essere diverse interpretazioni sulla disciplina. Per evitare fraintendimenti anche nell’anno fiscale in corso, si precisa ad esempio che i soci non possono usare l’auto aziendale per motivi personali.

Per questo molte aziende adesso intestano l’auto azienda direttamente agli amministratori per le società di capitali, agli accomandatari delle SaS e ai soci dell’Snc.

Anche per quanto riguarda il rimborso spese ci sono delle modifiche da tenere in considerazione. Per esempio: si può dedurre il totale della tariffa ACI e sono pienamente deducibili da Ires o Irpef i costi del rimborso chilometrico.

Per le trasferte fuori dal C0mune, invece, è necessario avere un’autorizzazione, spettano all’amministratore e possono esserci due tipi di rimborsi: forfettario e chilometrico. In base alla trasferta esiste un limite al rimborso.