Cabine low cost per dormire qualche ora in aeroporto, ad un prezzo decisamente conveniente, quando si è costretti a lunghe attese: è questa l’innovativa idea di una startup tutta italiana, Zzzleepandgo, messa in piedi da tre ragazzi della provincia di Varese.

Matteo Anthony Destantini, Nicolas Montonati e Alberto Porzio hanno lavorato a questo progetto in seguito ad una loro esperienza personale. Come racconta Matteo: “Io e il mio amico Alberto eravamo in viaggio per festeggiare la mia laurea. Un ritardo ci ha costretti ad accamparci per la notte in un’affollatissima sala d’attesa, con sconosciuti che ci si sono addormentati addosso. Avremmo desiderato più di qualunque altra cosa un letto, un luogo dove riposare un po’. Siamo partiti da quel bisogno e abbiamo ideato un prodotto che potesse soddisfarlo, coinvolgendo anche Nicolas, che è stato nostro compagno di liceo e ha messo le sue competenze architettoniche al servizio del progetto“.

Il progetto di cabine low cost in cui dormire in aeroporto si è dunque concretizzato in un format di hospitality fast and cheap (veloce ed economico): “Si tratta di stanze che verranno dislocate nei vari aeroporti, pensate per essere trasportate e collocate nel punto desiderato dello scalo. L’utente può registrarsi sul posto, tramite il device sulle pareti esterne del modulo, oppure può prenotare via web, sul sito di Zzzleepandgo, o attraverso una app dedicata dal proprio smartphone o tablet“.

Un sistema di cabine low cost completamente automatizzato: quando il cliente entra nella stanza, il sistema provvede alla sostituzione delle lenzuola ed entra in funzione l’impianto di ventilazione. All’interno delle cabine low cost – insonorizzate e con zona dedicata al deposito bagagli – sono presenti i principali servizi che potrebbero essere utili al viaggiatore: wi-fi gratuito, piano di lavoro, cromoterapia e servizio sveglia. Il tutto per un prezzo davvero modico: la prima ora costa 8 euro, le ore successive sono calcolate al minuto su base oraria di 6 euro. E’ il sistema automatizzato a calcolare il tempo totale trascorso tra check-in e check-out.

Le cabine low cost dovrebbero essere presenti negli aeroporti di Milano e Bergamo. L’obiettivo è di collocarle anche a Malpensa, in vista di Expo 2015.