Che il settore creditizio, italiano ed europeo, fosse in crisi, lo sapevamo da tempo, ma che potesse mietere così tante vittime da qui a due anni, non lo potevamo prevedere. Con il piano di Ubi banca vanno a casa circa 1500 persone

Ubi Banca è un istituto di credito dalla storia antica ma dalla nascita recente. Ubi Banca, infatti, nasce nel 2007 dalla fusione del gruppo BPU Banca e del Gruppo Banca Lombarda e Piemontese. A loro volta questi gruppi affondano le radici nella storia di piccoli istituti di credito che vanno avanti dalla metà del 1800.

Oggi Ubi Banca avverte la necessità di revisionare la struttura organizzativa del gruppo al fine di produrre un risparmio nei costi. Per tagliare questi ultimi, per prima cosa, sarà ridotto il personale. Si stima che con questo piano, già nel 2014, si possano mettere nei forzieri risparmi per 115 milioni di euro.

Circa 70 milioni di euro dovrebbero essere risparmiati l’anno prossimo. Come l’abbiamo già spiegato: vendendo o chiudendo 44 sportelli e trasformando altri 78 sportelli in minisportelli. In termini di risorse umane, andranno a casa circa 1500 persone.

Ubi Banca promette che attingendo al fondo di solidarietà e tramite un piano di flessibilità oraria per i dipendenti, si potrà rendere meno dolorosa la riduzione degli organici.