Apple ha tolto a Coca-Cola lo scettro di miglior marchio al mondo.
Il valore del brand della Mela, pari a 98,3 milioni di dollari, è cresciuto del 28% rispetto all’ultima classifica, mentre quello della Coca-Cola, al confronto, è rimasto fermo (+2%) a 79,2 miliardi.
A rendere noto il cambio al vertice è stata Interbrand-Omnicom Group, dal 2000 artefice di questa speciale classifica dei 100 marchi più influenti al mondo.
Una classifica che tiene conto, tra l’altro, di appeal, risultati finanziari, popolarità e fidelizzazione dei clienti, e che fino a ieri era stata sempre dominata dal marchio di Atlanta, ora al terzo posto superata anche da Google.
A completare una top ten dominata dall’hi-tech, Ibm (catalogata nel settore servizi), Microsoft, General Electric, McDonald’s, Samsung, Intel e Toyota.
E a proposito di tecnologici, ottimo il salto di Facebook, al suo secondo anno in classifica, passato dal 69esimo al 52esimo posto, e male, tanto, per Blackberry, fuori classifica quest’anno dopo essere passata dal 56esimo posto del 2011 al 93esimo del 2012, e Nokia, dalla 19esima posizione dell’anno scorso alla 57esima di quest’anno, il peggior tonfo tra i primi cento brand mondiali.
Per Interbrand Apple nei prossimi dovrà tuttavia ben guardarsi dall’avanzata di Samsung: la società sudcoreana, leader delle vendite di smartphone, ha già conquistato la nona piazza.
Anche due brand italiani in classifica: si tratta di Prada, al 72esimo posto, e Ferrari, al 98esimo.