I mercati finanziari risentono molto delle decisioni politiche adottate dai governi. Dopo il vertice UE e le dichiarazioni di Obama sui prossimi passi USA, ecco cos’è successo il Borsa. Obama ha deciso di presentare al Congresso delle nuove misure per superare la crisi economica. Queste dichiarazioni, associate all’ottima performance dei titoli tecnologici, hanno determinato una chiusura in rialzo di Wall Street.

A contrattazioni chiuse il Dow Jones segnava un rialzo dello 0,89 per cento. Per il Nasdaq si parlava di un +2,5 per cento e l’S&P500 è salito addirittura dell’1,29 per cento.

Tutto questo ottimismo pare sia dovuto ai dati positivi sulle vendite e il fatturato di Caterpillar che fa registrare un aumento del titolo del 5% e un incremento delle vendite pari al 31 per cento, nonostante le economie euro-americane siano in rallentamento.

La brillante seduta degli indici americani pare sia stata trainata anche dall’indice tecnologico alimentato dalle buone notizie sulla ripresa del settore, segnata dall’investimento di Oracle che si porta a casa la RightNow Technologies per 1,5 miliardi di dollari.

Per quanto riguarda le borse asiatiche, dopo il meeting europeo sulla crisi del debito dell’UE, le contrattazioni chiudono con performance positive. Il Nikkei guadagna l’1,9 per cento. La borsa di Hong Kong è la migliore con il +4,14 per cento.