Volatilità diffusa sui listini europei nelle priem fasi della seduta odierna. Quando è trascorsa quasi un’ora dall’apertura il Cac40 sale dello 0,08%, mentre il Dax indietreggia dello 0,16%. In altalena il Ftse 100 che segna un -0,10%. L’Ibex35 è piatto. Accelerazione al rialzo per Piazza Affari, con il Ftse Mib, migliore in Europa, con una crescita dello 0,64%. Lo spread Btp/Bund viaggia sui 513 punti base.

Secondo quanto riportato dal Sueddeutsche Zeitung, che cita fonti diplomatiche Ue, il fondo salva stati provvisorio Efsf sarebbe pronto a comprare i titoli di stato spagnoli. Una mossa che servirebbe a far accentuare la richiesta e al tempo stesso far calare il peso degli interessi per la Spagna.

Intanto ieri sera Moody’s  ha tagliato da stabile a negativo l’outlook su 17 banche tedesche e sulle loro filiali. La decisione è stata presa a qualche giorno di distanza dalla sforbiciata sulle prospettive della Germania in scia all’incerto scenario della zona euro. Gli istituti di credito coinvolti, precisa Moody’s, sono quelli i cui debiti sono supportati dallo Stato federale o dai Lander. Nell’elenco spiccano IKB Deutsche Industriebank, Bayerische Landesbank, Deutsche Postbank.

“Il mercato ieri, per la prima volta da giorni, riesce a tirare un sospiro di sollievo – affermano gli analisti di Fxcm – Non crediamo che sia cambiato il vento, siamo infatti ancora molto lontani da un avvenimento di questo tipo: pensiamo solamente che gli operatori abbiano accolto positivamente le parole del presidente della banca centrala austriaca, Ewald Nowotny, rilassandosi per mezza giornata”.