Piazza Affari in controtendenza rispetto alle altre borse europee. Il Ftse Mib arretra dello 0,66% a 15.338 punti. Peggio fa solo Madrid con l’Ibex35 che cede lo 0,95% a 7.595 punti. Oggi la Spagna deve fare i conti con la bocciatura giunta da Standard & Poor’s che ha ridotto il giudizio sul debito iberico di due gradini a BBB- dal precedente BBB+, confermando le previsioni negative. Gli esperti sono preoccupati dalla recessione dilagante in Europa e dalla stretta del credito che mette in ginocchio i tentativi di ripresa di Madrid.

 

Christine Lagarde, numero uno del Fmi, ha dichiarato che il Fondo è pronto ad agire in modo flessibile per sostenere i Paesi in difficoltà. In più si è detta favorevole a concedere due anni in più alla Grecia per l’attuazione dei piani di consolidamento fiscale.

 Restano alte le tensioni sul mercato obbligazionario con lo spread Btp-Bund che è partito questa mattina a 367 punti base. Oggi gli occhi saranno puntati all’asta mattutina dei Btp, dopo quella tenuta ieri sui Bot. Il Tesoro italiano ha in programma l’emissione di titoli a tre anni tra un minimo di 4,25 miliardi e un massimo di 6 miliardi di euro. Le attese sono per rendimenti in lieve aumento.

Virano in positivo le altre piazze europee. A Francoforte il Dax guadagna lo 0,41%, il parigino Cac40 mostra un rialzo dello 0,28% mentre il londinese Ftse100 avanza dello 0,10 per cento.