Le parole del Presidente della Fed e la volontà di sostenere le economie dei paesi che affrontano o affronteranno un periodo di crisi, piacciono ai mercati che almeno in Europa, a metà della mattinata di ieri, fanno segnare rialzi tendenziati su quasi tutte le piazze.Le Borse europee sono d’accordo con Bernake, occorre fare qualcosa per rilanciare l’economia mondiale e bisogna farlo partendo dalla ristrutturazione seria delle economie dei singoli paesi.

La fiducia e la speranza negli interventi della Fed fa schizzare gli indici dell’Italia, della Francia, della Germania e della Spagna.

Facendo uno zoom sui mercati dell’Eurozona notiamo che gli indici nostrani FTSE MIB e FTSE IT All Share sono in aumento rispettivamente dell’1,4 e dell’1,37 per cento.

Bene anche il CAC40 che a Parigi vola a quota +1,46%. Leggermente inferiore il rialzo del Dax che a Francoforte registra il +1,31 per cento. La migliore resta Madrid con un IBEX 35 al +1,57%.

L’entusiasmo, l’abbiamo detto in apertura, è legato alle dichiarazioni della Federal Reserve intenzionata a sostenere i mercati nazionali.

Già il 9 agosto scorso era stata dimostrata dalla Fed una disponibilità a definire il piano di acquisti dei titoli di stato, in gergo il quantitative easing.

A settembre si attendono delle novità in occasione della riunione della Focm.