I maggiori indici azionari asiatici hanno chiuso in rialzo nella notte sulla scia delle positive indicazioni economiche a livello internazionale. Gi investitori hanno guardato con fiducia al rialzo dell’indice di fiducia dei consumatori Coreani, al balzo della fiducia delle imprese in Germania e all’andamento migliore delle attese delle richieste di sussidi di disoccupazione in USA. Il Nikkei ed il Kospi hanno chiuso in rialzo dello 0,6%, mentre la borsa di Shangai è avanzata di oltre l’1%.

Prezzo del petrolio in rialzo

I progressi delle borse asiatiche sono stati limitati dal rialzo del prezzo del petrolio, salito per la settimana seduta consecutiva. Ne hanno, però, beneficiato i titoli energetici che hanno esteso il rally delle ultime sedute. Ad esempio, a Tokyo Japan Petroleum e Inpex sono saliti di quasi il 3%. Il trend di maggiore rilievo sulla borsa giapponese è stato l’incremento dell’indice dei titoli a bassa capitalizzazione per il 29° giorno consecutivo, la serie positiva più lunga dal 1961. La debolezza dello Yen ha continuato a supportare le società esportatrici, con Sony a +3%.

Il Kospi è stato trascinato da chimici, produttori di beni elettronici e società di trasporto. Samsung è salita dell’1,7% grazie alle positive indicazioni economiche a livello internazionale che anticipano un buon andamento dei consumi nei prossimi mesi.

A Shanghai ed Hong Kong sono stati gli energetici e i finanziari a fare la parte del leone. I mercati, oltre che dalle positive indicazioni economiche, hanno tratto beneficio dalle dichiarazioni di ABN Amro secondo cui i titoli cinesi sono ancora sottovalutati.