Terzo borgo alpino acquistabile su Ebay. Dopo Calsazio in Valle Orco, Lunella in Val di Lanzo, arriva ora il turno di Gilli in val Chisone. Sono otto fabbricati rurali con una superficie complessiva di circa 700 metri quadrati – interamente da ristrutturare, corte interna, strada privata di accesso, più 7.500 metri quadrati di terreno a bosco. Il tutto per un costo complessivo di 180.000 euro. Il borgo si trova a
cinque minuti dal centro abitato di Perosa Argentina, ad un’ora da Torino e solo 40 minuti dalle piste da sci del Sestriere.

L’annuncio è stato inserito sul popolare sito da Giovanni Piavento, per conto dell’Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani (Uncem).
L’iniziativa rientra nel marchio “Borghi alpini”, marchio voluto da Uncem e che ha stabilito un’area che comprende 80 borghi piemontesi dove sono stati inviati insieme ai comuni ed agli abitanti di quelle zone dei progetti di rivitalizzazione che hanno come obiettivo lo sviluppo economico e di nuova imprenditoria. I settori a cui si rivolge sono in particolare l’agricoltura, il turismo e l’artigianato.

Come spiega Marco Bussone, coordinatore per l’Uncem del programma Borghi Alpini, c’è un “patrimonio immenso che oggi deve essere valorizzato“. E continua “Per questo abbiamo voluto aiutare i Comuni e i privati proprietari nell’individuare nuovi percorsi di promozione, attirando investimenti e agevolando l’uso di fondi europei per la rivitalizzazione“.

Come spiega Giovanni Piavento, il primo passo di questa iniziativa è stata quella di ottenere dai proprietari degli otto immobili che costituiscono il borgo l’incarico di vendere. Il passaggio successivo è stato quello di bypassare i canali tradizionali di vendita degli immobili – perché sono saturi. Ebay permette di avere una visibilità maggiore rispetto ad altre alternative. Un modo per attirare acquirenti che poi devono essere convinti anche con altri mezzi – per esempio mettendo a disposizione dei soggetti interessati i rilievi e i progetti del borgo dopo la trasformazione.

Per gli altri due borghi messi in vendita sono arrivate più di duecento proposte di acquisto. Le due proposte hanno ricevuto l’attenzione di imprese, privati ed università. E con la vendita degli immobili il lavoro delle istituzioni non è finito, perchè come giustamente rileva il presidente di Uncem Piemonte Lido Ribaserve un impegno istituzionale della Regione mettendo la rivitalizzazione dei borghi al centro delle politiche di sviluppo dei prossimi cinque anni e rifinanziando, con le risorse europee del Psr, il recupero delle borgate“.