La legge di Stabilità 2016 ha confermato anche per l’anno il cosiddetto bonus bebé. Questo assegno erogato dall’Inps ammonta a 80 euro al mese – e quindi 960 euro annui – e viene corrisposto per ogni figlio nato o adottato tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017. Questa somma viene erogata ad uno dei genitori conviventi se il reddito Isee del nucleo familiare non è superiore ai 25.000 euro annui. Il valore dell’assegno può raddoppiare – e quindi raggiungere i 160 euro al mese e i 1.920 euro l’anno – se l’importo dell’Isee non supera i 7.000 euro.

In entrambi i casi l’importo di questa erogazione non concorre alla formazione del reddito complessivo del soggetto che lo percepisce. Come si fa per ottenere il bonus bebé? Per poter ottenere l’assegno bisogna presentare la domanda all’Inps solo per via telematica – questo è il link per compilare la domanda. La domanda deve essere fatta entro 90 giorni dalla nascita del neonato – ogni ritardo rispetto a questo termine provoca la perdita di una parte del bonus.

La può presentare direttamente chi ha ottenuto il pin dispositivo – si può richiedere in una delle sede territoriali dell’Inps, oppure sul sito dell’ente pensionistico a questo indirizzo –, per gli altri è necessario utilizzare il tramite di un patronato. Chi riceve il bonus non ha diritto automatico a ricevere gli 80 euro al mese: si può perdere l’assegno in caso di revoca dell’adozione, se il reddito Isee supera i 25.000 euro, o ancora se il  bambino viene affidato ad uno solo dei due genitori. Se questi è quello che non ha presentato la domanda all’Inps, esso deve presentare subito la domanda – e ovviamente chi aveva percepito finora l’assegno perde tale diritto.