L’INPS ha dato il via libera al bonus asilo nido, un incentivo che consentirà alle famiglie di poter ottenere un importo di mille euro da poter utilizzare per pagare l’asilo nido ai bambini nati dal primo gennaio 2016. Tutti coloro che fossero interessati al beneficio e fossero in possesso dei requisiti previsti dalle misure statuite con la Legge di bilancio, potranno presentare domanda a partire dal 17 luglio al 31 dicembre 2017.

Bonus asilo nido: come si presenta la domanda

La domanda per il bonus asilo nido va presentata, entro le date indicate, collegandosi al sito internet dell’INPS e compilando la relativa richiesta; contattando il numero verde gratuito da linea fissa 803.164 o a pagamento da linea mobile 06164.164; facendosi assistere da un Caf convenzionato.

Requisiti per ottenere il bonus asilo nido

Chi può richiedere ed ottenere il bonus asilo nido? Basta aver avuto un bambino (per nascita o per adozione) a partire dal primo gennaio 2016 e averlo iscritto all’asilo nido. Così come per il bonus mamma, neppure per tale tipo di beneficio economico sono richiesti limiti reddituali. Tra gli altri requisiti richiesti: la residenza italiana (con cittadinanza italiana o di altro Paese europeo); il permesso di soggiorno di lungo periodo se cittadini extracomunitari (o di carte di soggiorno per familiari extracomunitari). Possono ottenere il bonus anche i rifugiati politici o coloro che hanno lo status di protezione sussidiaria.

Come viene erogato il bonus asilo nido

Chi riceve il beneficio economico riceve in tutto mille euro, che dovranno servire per coprire le spese dell’asilo nido per i bimbi fino a tre anni d’età. Il bonus si ottiene sia per asili privati sia per asili pubblici. Per i bambini affetti da gravi patologie, il beneficio può essere richiesto per l’assistenza privata. La somma di mille euro viene erogata in undici rate mensili di 91 euro. Per i bambini che sono iscritti al nido dal primo gennaio scorso, la somma viene riconosciuta per intero proprio a partire da quella data.