Non ci sarà un allargamento del bonus Irpef di 80 euro in busta paga, almeno per il momento. La maggioranza parlamentare, in una riunione mattutina del 4 giugno, ha deciso di rinviare alla prossima legge di stabilità l’eventuale estensione del bonus alle famiglie monoreddito con figli. L’aula del Senato si riunisce nella stessa mattinata per esaminare il decreto Irpef che contiene lo sgravio fiscale per i dipendenti fino a 1.500 euro mensili. C’è stato un lungo braccio di ferro tra il Governo e il Nuovo centrodestra sull’allargamento del bonus: Alfano lo voleva, Renzi no. Da qui il conseguente compromesso sul rinvio, che ha comportato uno slittamento nell’approvazione finale del testo da parte delle commissioni Bilancio e Finanze di Palazzo Madama.

E’ stato inoltre inserito dal Governo un emendamento per formalizzare il rinvio ad ottobre del pagamento della Tasi nei comuni in cui non è stata decisa l’aliquota da applicare. L’Esecutivo varerà anche un decreto per rendere immediatamente operativo il provvedimento.