Le auto storiche sono veicoli di interesse storico e collezionistico, regolarmente iscritte ad uno dei registri riconosciuti dalla legge - ASI, Storico Lancia, Italiano FIAT, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI – e possono circolare sulle strade purché posseggano i requisiti previsti per questo tipo di veicoli, determinati dal regolamento. Diversamente le auto d’epoca sono quelle che, secondo quanto stabilito dall’articolo 60 del Codice della strada, non possono più circolare se non in occasioni particolari, come eventi, manifestazioni o raduni debitamente autorizzati dagli organi competenti.

L’articolo 60 del Codice della strada stabilisce infatti che:

Rientrano nella categoria dei veicoli d’epoca i motoveicoli e gli autoveicoli cancellati dal P.R.A. perché destinati alla loro conservazione in musei o locali pubblici e privati, ai fini della salvaguardia delle originarie caratteristiche tecniche specifiche della casa costruttrice, e che non siano adeguati nei requisiti, nei dispositivi e negli equipaggiamenti alle vigenti prescrizioni stabilite per l’ammissione alla circolazione. Tali veicoli sono iscritti in apposito elenco presso il Centro storico del Dipartimento per i trasporti terrestri.

Per ricevere l’attestazione di auto d’epoca o d’interesse storico è necessario fare richiesta all’ufficio competente della Motorizzazione, che valuterà il possesso dei requisiti richiesti.

Bollo auto ultraventennali

Con la Legge di Stabilità 2015 (legge 23 dicembre 2014 n. 190) sono diventate esenti dal bollo, la tassa regionale che va versata per ogni auto all’Erario ogni anno, le sole auto di età pari o superiore a 30 anni, contro i 20 richiesti precedentemente.

Non tutte le Regioni, però, hanno deciso di adottare le nuove misure per i veicoli storici. Sul sito ACI è possibile verificare le possibili esenzioni stabilite dalla propria regione per il bollo auto dei veicoli storici tra 20 e 29 anni.

Tra le Regioni che hanno deciso di adottare specifiche delibere per il bollo auto prevedendo sconti per i veicoli ultraventennali ci sono:

  • Provincia Autonoma di Bolzano (Legge Provinciale n.11 del 25 settembre 2015), a decorrere dal 1° gennaio 2016 gli autoveicoli e i motoveicoli, esclusi quelli ad uso professionale, di età compresa da 20 a 29 anni pagano la tassa automobilistica provinciale di proprietà, ridotta del 50%, con periodicità tributaria diversificata in base alla potenza dell’auto;
  • Emilia Romagna, i veicoli storici ultraventennali sono esentati dal bollo auto a patto che l’istanza sia corredata dal Certificato di rilevanza storico e collezionistico;
  • Lazio (Legge Regionale n.11 del 29 luglio 2015), dal 1° gennaio 2016 gli autoveicoli e i motoveicoli, esclusi quelli adibiti ad uso professionale, a decorrere dall’anno in cui compiono il ventesimo anno e fino al ventinovesimo dalla loro costruzione, sono assoggettati al pagamento della tassa automobilistica regionale nella misura ridotta del 10%, a patto che abbiano specifica attestazione dell’ASI, per i motoveicoli dalla FMI;
  • Toscana (Legge Regionale n. 37  del 27 marzo 2015, art. 20), a decorrere dall’1 gennaio 2015, i veicoli ultraventennali  sono assoggettati all’ordinaria tassa automobilistica ridotta del 10%;
  • Provincia Autonoma di Trento (Legge Provinciale n.9 del 3 giugno 2015), dal 1° gennaio 2015 sono esentati dal pagamento della tassa automobilistica provinciale gli autoveicoli e i motoveicoli, esclusi quelli adibiti a uso professionale, di anzianità compresa tra i venti e i trenta anni, classificati di interesse storico o collezionistico, iscritti in uno dei seguenti registri: Automotoclub storico italiano, Storico Lancia, Italiano Fiat, Italiano Alfa Romeo, Storico Federazione motociclistica italiana, Registro storico dell’Automobile club d’Italia;
  • Umbria (Legge Regionale n.16 del 19 novembre 2015), dal 1° gennaio 2016 gli autoveicoli e i motoveicoli, esclusi quelli adibiti ad uso professionale, a decorrere dall’anno in cui si compie il ventesimo anno e fino al ventinovesimo dalla loro costruzione, sono assoggettati al pagamento della tassa automobilistica regionale nella misura ridotta del 10% purché iscritti nei Registri Storici ex art.60 CdS (ASI, Storico Lancia, Italiano Fiat, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI) oppure nei Centri specializzati riconosciuti dalla Regione.

Bollo auto ultratrentennali

Per le auto con 30 anni o più l’esenzione dal bollo auto e moto rimane invariata rispetto al passato. Se l’auto ha più di 30 anni, l’esenzione dal pagamento del bollo è automatica anche se il veicolo non risulta iscritto al registro storico. Se si tratta di un veicolo circolate è comunque dovuta la tassa di circolazione forfettaria di importo da verificare in base alle delibere provinciali e regionali. Solitamente gli importi si aggirano intorno ai 28,40 euro per le auto e 11,36 euro per le moto, da pagare annualmente in un’unica soluzione.

Fonte: ACI.