Il 13% degli italiani non paga il bollo auto e l’evasione della tassa sui veicoli genera per lo Stato un buco da 850 milioni di euro.
È quanto si apprende da uno studio condotto da Quattroruote e Aci relativo al pagamento della tassa di possesso: a fronte dei 34,4 milioni di veicoli soggetti all’imposta e ad un gettito stimato intorno ai 6,45 miliardi di euro, sottolinea l’analisi, la somma relativa al 2013 effettivamente riscossa dalle Regioni italiane si fermerebbe a quota 5,6 miliardi.

Le Regioni, inoltre, evidenzia ancora l’analisi, nonostante il buco che va a generarsi nei loro bilanci, fanno poco o nulla per dare seguito a quanto previsto dal Codice della Strada dopo tre anni di mancato versamento della tassa di possesso, cioè chiedere al Pra la cancellazione d’ufficio del veicolo dai suoi archivi, vale a dire il ritiro della targa e della carta di circolazione.
Un provvedimento che consentirebbe non solo di colpire gli evasori reali, ma anche di aggiornare i dati relativi alla reale flotta circolante e razionalizzare le spese per il recupero del gettito evaso.
Sono infatti tantissimi, secondo le stime dell’Aci, i veicoli abbandonati o finiti fuori dai confini nazionali prima che la loro posizione venisse regolarizzata e la loro radiazione consentirebbe alle Regioni di risparmiare le grosse spese legate ai vari tentativi di recupero crediti, divenuti ormai inesigibili (foto by InfoPhoto).