La rivoluzione della bolletta, come l’ha ribattezzata con toni forse un po’ eccessivi l’Autorità per l’energia che l’ha da poco approvata, arriverà nelle nostre case, o sui nostri device per chi ha deciso di accedere alle bollette online, solo dal settembre del prossimo anno – a quanto sembra ci vogliono dei tempi tecnici per le modifiche…

Di cosa si tratta? Quello che per ora sappiamo è che da quella data le nostre bollette di luce e gas saranno più chiare, moderne e comprensibili perché dovrebbero condensare in un foglio solo gli elementi essenziali. Il restyling non si dovrebbe fermare qui perché dovrebbero cambiare le diciture di diverse voci – fondamentali per capire perché alla fine la nostra bolletta arriva ad essere così salata -:  ad esempio gli attuali servizi di vendita diventeranno spesa per la materia energia/gas naturale, e i servizi di rete  diventeranno spesa per il trasporto e gestione del contatore.

Da rilevare che finalmente ci sarà una voce dedicata alla spesa oneri di sistema, per cui finalmente sapremo quale parte dei nostri soldi servirà a finanziare  gli incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate e alle imprese manifatturiere energivore, i fondi necessari alla messa in sicurezza delle centrali nucleari… (insieme incidono per più del 22% sulla spesa finale).

Altri aspetti positivi, oltre a quello del precedente paragrafo, è l’indicazione del costo medio unitario del kilowattora, ovvero il rapporto tra la spesa totale e i consumi fatturati, e l’evidenziazione di eventuali conguagli dovuti ad esempio ad errori di fatturazione.

Il risultato finale che ci troveremo davanti agli occhi tra un annetto, ovvero la bolletta 2.0, è il risultato di un ampio percorso di consultazione iniziato dodici mesi fa dall’Autorità per l’energia ed ha coinvolto imprese, consumatori – sia singolarmente sia attraverso le associazioni che li riuniscono -, opinion maker – non chiedetemi altro -, giornalisti ed esperti di comunicazione.

un’ultima cosa: si può sempre approfondire le diverse voci di spesa, chiedendo la proprio gestore gli elementi di dettaglio della bolletta – che ci verrà spedita fisicamente o online solo in forma sintetica…

photo credit: saturnino.farandola via photopin cc