Secondo Guido Bortoni – è il presidente dell’Autorità per l’Energia, ed ha parlato nel corso di un’audizione in Commissione Industria del Senato -,  a ottobre dovrebbe arrivare il terzo taglio  del costo del gas. Tutto è iniziato ad aprile con un -4,2%, a cui è seguito un -0,6% a luglio e l’ultimo -0,2%.

Complessivamente ci sarebbe da registrare un riduzione della bolletta del gas in termini percentuali del 7%. Secondo il Codacons è ancora troppo poco. In una nota l’associazione afferma: “Se infatti è vero che nel periodo aprile-dicembre le bollette del gas caleranno quasi del 7%, è altrettanto vero che negli ultimi anni nel nostro paese le tariffe energetiche hanno registrato una serie di rincari che portano i cittadini italiani a pagare bollette più salate rispetto alla media Ue“.

Nel 2012 l’aumento della bolletta elettrica è stata pari all’11,2%, contro una media europea del 6,6%. Se si passa a considerare il gas siamo al 10,6% – parliamo sempre di aumento dei prezzi. A causa di questi rincari i cittadini italiani si sono ritrovati una a pagare l’elettricità 9,5 euro per 100kWh – contro un prezzo medio nell’Unione Europa di 7,2 euro.

Bortoni ha poi ricordato i Cip6 – si tratta di prezzi incentivati per l’energia elettrica prodotta con le rinnovabili -: nell’anno in corso supereranno quota 30 miliardi di euro di contributi ricevuti.

Photo credit: Uramaki via photopin cc