Brutte notizie per gli italiani. Le bollette di luce e gas da ottobre saranno più salate. Ad anticiparlo l’Autorità per l’energia che ha spiegato che dal primo ottobre il metano subirà un rincaro del 5,4% (anche per la crisi in Ucraina) e l’elettricità dell’1,7%. In totale una famiglia tipo spenderà 21 euro in più.

Per quanto riguarda il gas si tratta del primo rialzo dopo un anno di ribassi. Rialzi stagionali della materia prima e la crisi russo-ucraina che è stata decisiva per questo aumento: il prezzo sulle borse europee del gas è salito con i timori di una possibile sospensione delle forniture con l’approssimarsi dell’inverno. Il 30 per cento del metano che si consuma in Europa occidentale arriva dai giacimenti di proprietà del colosso di stato russo Gazprom.

Per il rincaro dei prezzi dell’elettricità invece, in parte è collegato al rialzo del prezzo del gas, in parte alle rinnovabili per l’incremento degli incentivi pagati ai certificati verdi, in parte alcune decisioni del governo Renzi che ha chiesto gli arretrati degli ultimi due anni per la componente A2, una quota che i consumatore pagano in bolletta per lo smantellamento delle centrali nucleari e il deposito delle scorie.

Le associazioni dei consumatori sono sul piede di guerra, il Codacons ha commentato con un “pessima notizia”, e ha invitato il governo a tagliare il peso fiscale sulle bollette così come Adusbef e Federconsumatori.

photo credit: christian.senger via photopin cc