Ci sono diversi trucchi per evitare di pagare a cifre astronomiche un biglietto aereo sia per le tratte nazionali che internazionali. Pochi consigli, snocciolati dal Corriere.it, che serviranno per risparmiare centinaia di euro sulle nostre partenze. Costa di più un biglietto acquistato dal centro città o utilizzando un tablet: molti, tra l’altro, cancellano cache e cronologia per evitare che le compagnie aeree capiscano le nostre intenzioni, magari troppe ricerche su Google, e che dunque facciano lievitare i prezzi. Un biglietto aereo a New York prenotato dalla periferia di Milano costa 382 euro; pochi minuti dopo, fatto in pieno centro e dal computer di lavoro, sale a 421 euro. “L’algoritmo ha notato che il viaggiatore si trova in un’area dove il reddito medio è elevato e gli orari sono quelli di ufficio, quindi magari la trasferta è per motivi professionali e a pagare sarebbe l’azienda” svela un manager di una compagnia aerea europea al Corriere.it. 

E non è finita qui: comprare da smartphone o tablet costa di più rispetto al pc poiché probabilmente vengono considerati beni posseduti da utenti mediamente ricchi. Ad influire è anche il sistema operativo: iOs, di Apple, è considerato quello della fascia medio-alta della popolazione, ovvero quella che può spendere di più.

I prezzi, infine, si abbassano da venerdì sera a domenica sera mentre aumentano nei primi giorni della settimana poiché in quest’ultimo caso vengono considerate trasferte di lavoro. Paga il capo a caro prezzo.