Mani sempre meno legate per Mario Draghi. Crescono infatti le probabilità che la Banca centrale europea possa procedere ad acquisti di bond dei Paesi in difficoltà. Berlino avrebbe infatti dato un sostanziale ok all’Eurotower per compiere tali operazioni. E’ quanto scrivono le agenzie di stampa internazionali citando le parole di un portavoce del governo tedesco, Georg Streiter.

Geithner e Schauble si incontrano aspettando il vertice della Bce

Il portavoce ha spiegato che il governo tedesco ha piena fiducia nell’indipendenza d’azione della Bce e che gli acquisti di bond da parte della Banca centrale non sono inammissibili sulla base dei trattati europei. L’Eurotower dovrebbe annunciare nella riunione di giovedì prossimo nuove misure per contrastare la crisi. Gli operatori non escludono un riavvio degli acquisti di bond sul mercato secondario attraverso lo strumento denominato SMP e la possibilità che si proceda a ipotizzare acquisti sul mercato primario attraverso il fondo EFSF.

Oggi il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schauble, si è incontrato con il segretario del Tesoro Usa Timoty Geithner. Al centro della discussione il ruolo della Bce e l’apprezzamento per gli sforzi di risanamento compiuti da Italia e Spagna. In una nota congiunta Schauble e Geithner hanno aggiunto di voler stringere la cooperazione per riportare l’economia mondiale su un sentiero di stabilità.

Nel fine settimana il Cancelliere Angela Merkel e il premier italiano Mario Monti, al termine di un meeting telefonico, hanno assicurato che prenderanno tutte le misure necessarie a proteggere l’euro zona, e perché venga data attuazione alle conclusioni del Consiglio Europeo di fine giugno.