I mercati azionari statunitensi hanno chiuso oggi in forte rialzo sulla scia del boom dei mercati europei, che hanno beneficiato delle parole del presidente della BCE Mario Draghi durante una conferenza a Londra. Draghi ha detto che la BCE farà di tutto per salvare l’Euro e ha lasciato trapelare l’ipotesi che possa essere deciso una riattivazione del programma di titoli di stato per abbassare i rendimenti dei governativi dei paesi periferici poiché questo impedisce una trasmissione della politica monetaria. Lo S&P500 ed il Dow Jones Industrial sono saliti dell’1,7% e il Nasdaq dell’1,4%.

Continua la stagione delle trimestrali

I dati economici pubblicati oggi in USA, sussidi di disoccupazione e ordini di beni durevoli, non hanno avuto un grosso impatto sui mercati poiché troppo volatili ultimamente. Oltre che sulle notizie provenienti dall’area Euro, l’attenzione degli investitori si è, quindi, concentrata sui dati trimestrali. Sinora oltre il 70% delle società che ha presentato i conti ha superato le attese secondo i dati dell’agenzia Bloomberg. 3M e Visa sono salite rispettivamente del 2% e del 3,7% dopo avere annunciato utili superiori alle attese degli analisti.

In attesa della pubblicazione dei risultati dopo la chiusura del mercato, Facebook è arretrata dell’8,5%. Il titolo è stato penalizzato dall’andamento inferiore alle attese dei conti di Zynga, il maggiore sviluppatore di giochi venduti su Facebook. Zynga ha perso il 37,5%. Il calo si è mossa anche Dow Chemical (-3,6%), che a sua volta ha annunciato utili inferiori alle attese e ha sottolineato come lo scenario per la domanda dei suoi prodotti è molto negativo.