(Finanza.com) L’euro è “irreversibile”. E’ questo il messaggio lanciato dal presidente della Banca centrale europea (Bce), Mario Draghi, nel corso di un’intervista rilasciata nel fine settimana a Le Monde. Alla domanda l’euro è ancora in pericolo il numero uno dell’Eurotower ha dichiarato: “Vediamo analisti immaginare scenari di esplosione della zona euro. Questo significa mal conoscere il capitale politico che i nostri dirigenti hanno investito in questa unione e il sostegno degli europei. L’euro è irreversibile”. Draghi ha poi aggiunto “L’Unione europea non è a rischio recessione nonostante dall’inizio dell’anno i rischi di deterioramento dell’economia che temevamo si sono in parte materializzati e la situazione è gradualmente peggiorata”. Nel corso della lunga intervista a Le Mondo Draghi è tornato anche sulla questione Grecia. “La nostra preferenza, senza equivoci, è che la Grecia resti nella zona euro – ha affermato l’ex numero uno di Bankitalia – ma ora è di competenza del governo greco. Ha dichiarato il proprio impegno, e ora deve dare dei risultati”. Per quanto riguarda invece un’eventuale rinegoziazione di un memorandum con Atene Draghi ha ribadito che non prenderà “alcuna posizione prima di aver visto il rapporto della troika”.