Basilea 3. Se ne parla spesso, ma quasi mai si cerca di chiarire di cosa si tratta. Per farlo dobbiamo fare un passo indietro. Dal 1930, si riunisce a Basilea, in Svizzera (e dove sennò?), la Banca dei regolamenti internazionali (BIS). Si tratta di una sorta di banca centrale delle banche centrali a cui vanno ricondotte dal 1988 le regole di Basilea, il più importante sistema di norme per il mondo bancario.

Nel 2010 siamo arrivati alla loro terza formulazione (Basilea 3 appunto). Queste norme andranno a regime pienamente solo nel 2020 – e su alcuni aspetti bisognerà arrivare al 2023.  Queste nuove regole chiedono maggiori garanzie in termini di capitale e liquidità per evitare che possano fallire a causa di shock finanziari. Il valore complessivo delle common equity (termine inglese che indica le azioni ordinarie più le riserve della banca) dovrà essere pari almeno al 4,5% – prima era al 2% – degli attivi ponderati. Cosa vuol dire quest’ultimo termine? Indica i prestiti di una banca moltiplicati per un coefficiente che cambia a seconda del livello di rischiosità che si assume con quell’impiego (un prestito allo stato è più rischioso di quello a un’impresa).

Al 4,5% bisogna aggiungere un conservation buffer - ovvero un cuscinetto di protezione – pari al 2,5% – anch’esso composto da capitali di elevata qualità. che potrebbe anche aumentare – di una percentuale compresa tra lo 0 ed il 2,5% – nelle fasi di surriscaldamento del credito. Ovviamente questi nuovi accordi prevedono anche interventi in altri settori operativi.

Uno degli aspetti più importanti è rappresentato dalla liquidità. Basilea 3 in questo campo stabilisce che le banche debbano avere un liquidity coverage ratio (LCR) che permetta di coprire la liquidità per trenta giorni… Il complesso di queste misure ha un impatto sull’economia reale: aumentare la propria dotazione di capitale significa avere meno risorse da destinare al credito – e quindi potrebbe generare un freno all’economia. E’ anche per questo motivo che l’applicazione Di Basilea 3 è stata così diluita nel tempo.

photo credit: cogdogblog via photopin cc