(Finanza.com) Partenza in ribasso per la Borsa di Milano in scia alla debole performance del comparto bancario che risente del ritorno dello spread in area 350 punti base. Gli occhi del mondo sono puntati verso gli Stati Uniti dove domani si terranno le elezioni che vedono di fronte Barack Obama e Mitt Romney. In Europa risuonano ancora forti le parole di Angela Merkel secondo cui ci vorranno più di cinque anni per superare l’attuale crisi economica. Venerdì i dati sul mercato del lavoro Usa sono stato in chiaroscuro: se da un lato sono stati creati 171 mila nuovi posti di lavoro, il tasso di disoccupazione è salito ad ottobre al 7,9%. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib cede lo 0,50% a 15.690 punti.