Nel caso in cui nell’arco dell’anno siano intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione delle imposte sugli immobili (cambio di possesso, modifiche strutturali etc.), il contribuente è obbligato a presentare la dichiarazione IMU-TASI per denunciare ad esempio l’acquisto di un immobile o un’area fabbricabile e le sue variazioni di valore, la data di inizio e di fine dello stato di inagibilità o inabitabilità.

Per la dichiarazione TASI si utilizza lo stesso modello IMU e la scadenza è la stessa: entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta.

La dichiarazione TASI non deve invece essere presentata in tutti i casi in cui il Comune riesce, eventualmente incrociando i dati, ad ottenere i dati catastali identificativi dell’immobile necessari ai fini degli adempimenti relativi ai tributi gravanti sugli immobili.

Autocertificazione TASI

Tipicamente la dichiarazione TASI non va inviata se il Comune di appartenenza ha previsto la consegna di un’autocertificazione ad esempio per auto-dichiarare la locazione dell’immobile. In questi casi il Comune mette solitamente a disposizione sul proprio sito istituzionale il modulo di autocertificazione TASI attraverso il quale il contribuente può dichiarare il possesso dei requisiti per ottenere l’agevolazione.

Esempi Autocertificazione TASI

Di seguito alcuni esempi di autocertificazione TASI.

____________________________

Autocertificazione per immobili occupati da soggetti diversi dal possessore

Il/la sottoscritto/a
C.F. / P.IVA
Residente invia/piazzan.
Recapito telefonico
Indirizzo mail
Relativamente alle seguenti unità immobiliari ubicate nel Comune di e così catastalmente identificate
INDIRIZZO E N. CIVICOFG.P.LLASUBCAT.CLASSERENDITA CATASTALE
Quota di possesso%Altri possessori:
Di averle concesse:
In locazioneIn comodato d’usoAltro:
A favore di:
C.F. / P.IVA
Residente invia/piazzan.
Con decorrenza dalal
  • Nel caso in cui l’unità immobiliare oggetto della tassazione sia occupata da un soggetto diverso dal titolare del diritto reale sulla stessa, quest’ultimo e l’occupante sono titolari di un’autonoma obbligazione tributaria;
  • Relativamente all’anno d’imposta 2014, l’occupante versa la TASI nella misura del 30% del tributo complessivo, mentre il possessore nella misura del 70%.

Luogo____

Data ___ / ___ / ___

IL DICHIARANTE

____________________________

____________________________

Autocertificazione anziani o disabili ricoverati in istituti

Autocertificazione per equiparazione ad abitazione principale dell’unità immobiliare posseduta a titolo di proprieta’ o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata.

Il/la sottoscritto/a _______________________________________, nato a _________________________ il _________________, Codice fiscale __________________________________, telef. ______________, proprietario ( % possesso _______ ) dell’abitazione sita in Via ____________________________________ Foglio _____Numero ______ Sub. ____ Categoria ______ Rendita catastale ________________ (non rivalutata); pertinenze: 1. Foglio _____Numero ______ Sub. ____ Categoria ______ Rendita catastale ________________ (non rivalutata); 2. Foglio _____Numero ______ Sub. ____ Categoria ______ Rendita catastale ________________ (non rivalutata); 3. Foglio _____Numero ______ Sub. ____ Categoria ______ Rendita catastale ________________ (non rivalutata).

DICHIARA

  • di aver trasferito la propria residenza presso: Istituto / Casa di riposo __________________________________________________________sito in ______________________________ Via _____________________________________Telefono ________________ con decorrenza dal _____________________________
  • che la suddetta abitazione non è locata.Il/la sottoscritto/a, consapevole che le dichiarazioni mendaci sono punite ai sensi del Codice penale e delle leggi speciali in materia (art. 26 – Legge 15/68), dichiara sotto la propria responsabilità che le notizie indicate sono complete e veritiere.

Luogo e data, __________________

IL DICHIARANTE

____________________________

____________________________

Autocertificazione relativa al fabbricato inagibile o inabitabile

Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà relativa al fabbricato inagibile/inabitabile

Il/la sottoscritto/a _____________________________________________________________________________________

nato/a a _____________________________ il _________________

residente/con sede legale a Prov. ____ in via _______ n°___

recapito telefonico ___________________ indirizzo di posta elettronica __________________________

in qualità di __________________________________________________________________________

avvalendosi delle disposizioni di cui all’art. 47, commi 1 e 3, del D.P.R. 28/12/00, n. 445 e consapevole delle responsabilità penali relative a dichiarazioni false e/o mendaci e delle conseguenze relative alla perdita dei benefici ottenuti, ai sensi dell’art. 76 del D.P.R. n. 445/00

DICHIARA

di essere ____________________ (proprietario, usufruttuario, titolare di altro diritto reale) per la quota del ______% del/i fabbricato/i ubicato in Via/Piazza __________________censito al N.C.E.U.:

Note:

N. progressivo

Rendita catastale

Foglio

Particella Sub

Piano

Categoria

Classe Vani

Altresì,

DICHIARA

1. la sussistenza per l’immobile suddetto delle condizioni di inagibilità/inabitabilità (vedi nota lettera A)) e di effettivo non utilizzo;

2. Che l’immobile/i suddetto/i è/sono INAGIBILE/I (caratteristiche strutturali) o INABITABILE (per carenza requisiti igienico-sanitari); in quanto si trova/no in uno stato di degrado fisico sopravvenuto non superabile con interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria, rappresentato dalla/e seguente/i situazione/i (barrare la casella che interessa):

a. lesioni a strutture orizzontali (solai e tetto compresi) tali da costituire pericolo a cose o a persone;

b. lesioni a strutture verticali (muri perimetrali o di confine) tali da costituire pericolo a cose o a persone;

c. edificio fatiscente o per il quale è stata emessa ordinanza di demolizione o di ripristino; d. __________________________________________________________________________

3. E’/sono di fatto inutilizzato/i e sgombero/i da cose e persone ed inoltre è privo dei seguenti allacciamenti:

□ acqua □ luce □ gas □ telefono □ altro__________________________

4. Non potrà/potranno essere utilizzato/i se non previo intervento di restauro o risanamento conservativo e/o ristrutturazione edilizia di cui all’art. 31, comma 1, lettere c) e d) della legge 05/08/78, n. 457 (ora art. 3 DPR 380/2001), e dopo l’ottenimento di una nuova certificazione di agibilità/abitabilità, nel rispetto delle norme edilizie vigenti in materia.

5. In caso di inagibilità strutturale di cui al punto 2., di impegnarsi a rendere inaccessibile l’immobile/i sbarrando ingressi (porte e finestre) e segnalando con apposita cartellonistica ben visibile il divieto di accesso ed il pericolo di crollo dell’immobile.

6. Di impegnarsi, in ogni caso, a non utilizzare in alcun modo e a non far utilizzare a terzi l’immobile indicato nel presente atto, se non dopo aver effettuato gli opportuni interventi edilizi, autorizzati dagli uffici comunali competenti, per rendere agibile e abitabile l’immobile.

7. Di essere disponibile sin d’ora a fornire eventuale documentazione, a sostegno delle condizioni di inagibilità o inabitabilità ed effettivo non utilizzo dichiarato nel presente atto, agli uffici comunali che ne faranno richiesta.

________________ Tali condizioni decorrono dalla data di presentazione della presente dichiarazione e quindi, dal mese di

___________ anno ______ richiede l’applicazione della riduzione del valore dell’immobile stabilita al 50%.

Luogo e data, ______________

IL DICHIARANTE

____________________________

Eventuali allegati