Mercato auto europeo ancora in panne a inizio 2012. I dati diffusi oggi dall’Acea (Association des Constructeurs Europeens d’Automobiles) evidenziano che nei Paesi dell’area Ue le immatricolazioni a gennaio sono calate del 7,1% su base annua attestandosi a 968,769 unità. I cali più marcati sono stati registrati in Portogallo (-47,4%), Francia (-20,7%) e in Italia (-16,9%) mentre la Spagna ha mostrato una crescita del 2,5%. Bene la Germania (-0,4%) e la Gran Bretagna le cui immatricolazioni sono rimaste invariate.
Il Centro Studi Promotor rimarca come nella maggior parte dei paesi dell’area vi è stato nel gennaio 2011 un giorno lavorativo in più. A parità di giorni lavorati la contrazione si sarebbe attestata intorno all’11%. “A rendere ancor più preoccupante il dato del gennaio vi è poi il fatto che già nello scorso anno il mercato europeo era depresso e a ciò si aggiunge che le attese per i prossimi mesi non sono positive – si legge nella nota  -. Pesa sulla domanda di auto il peggioramento del quadro congiunturale dell’intera Europa e il calo della propensione all’acquisto di beni di consumo durevoli“.

In tenuta le auto tedesche, immatricolazioni Fiat in calo del 15,9%

A livello di gruppo automobilistici, Volkswagen è riuscita a mantenere il trend positivo con immatricolazioni in progresso dello 0,7% (in particolare +6,3% il marchio Audi) nell’area Ue 27, ancora meglio l’altra tedesca Daimler (+4,6%). Toyota ha ceduto l’8,3%, -6,2% per Bmw. Tra i big europei spiccano i cali di Renault (-25,2%), dell’italiana Fiat (-16,2%) e dell’altra transalpina Peugeot (-14,2%). 
Le immatricolazioni del gruppo Fiat a gennaio in Europa (27 Paesi+Efta) hanno segnato un calo del 15,9% a 69.479 vetture contro le 82.602 dello stesso periodo dell’anno scorso. Riscontri inferiori alle attese di mercato con gli analisti di Intermonte che rimarcano come “la partenza molto debole di gennaio era attesa ma i dati di Fiat sono inferiori alle nostre previsioni per l’intero 2012” che sono di un calo del 7% per le immatricolazioni del gruppo. “Le indicazioni di Peugeot sull’Europa (atteso calo del 5%) sono invece in linea con le nostre attese – aggiunge Intermonte -  una discussione su possibili alleanze potrebbe tornare di attualità anche se non nel breve”. La quota di mercato del gruppo torinese si è attestata al 6,9% dal 7,7% di gennaio 2011. Il solo marchio Fiat ha immatricolato 48.700 auto nuove con una quota di mercato del 4,9%.

Renault vede mercato auto europeo in calo del 3-4%

Renault, che ha diffuso oggi i conti 2011, vede il mercato auto globale (auto + veicoli commerciali leggeri) salire del 4 per cento nel corso di quest’anno con i mercati extraeuropei che dovrebbero continuare nel percorso di crescita, specialmente Brasile (5%) e Russia (8%). Il mercato europeo dovrebbe invece registrare una contrazione tra il 3 e il 4% (-7/8% in Francia).