Un aumento anche di un solo punto percentuale dell’Iva, equivarrebbe ad un incremento consistente dei prezzi con conseguente aggravio sul portafoglio delle famiglie.

A fare i conti come sempre una delle associazioni tanto amiche delle famiglie, in quanto a sondaggi. Questa volta è la Codacons a fornire i dati, secondo la quale anche questo piccolo aumento corrisponderebbe ad un rincaro dello 0,6% dei prezzi, che in soldoni corrisponde ad un aumento di 209 euro, per una famiglia composta da tre persone.

A conti fatti, non sarebbe stato meglio tenersi la tanto odiata Imu rispetto ad aumento dell’Iva, che vista la sua progressività, è senza dubbio più dolorosa per il portafogli degli italiani?

Ovvio che ogni mossa della politica economica è ben ponderata, e tutto quanto viene ben conteggiato. Ogni mossa soppesata, ogni scelta misurata nel suo rinculo. Appunto.