I rincari di luce e gas, uniti alle accise sui carburanti hanno ridotto la disponibilità di liquidi delle famiglie. Ma in Gazzetta Ufficiale è finito un altro provvedimento che renderà ancora più calda l’estate dei fumatori.

Salgono i prezzi delle sigarette. Una raffica di aumenti che coinvolge numerose marche di bionde. L’ufficialità del provvedimento è nella pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Il numero 170 della rivista, riporta i dettagli delle novità per le accise dell’Azienda autonoma dei Monopoli di Stato.

10 centesimi a pacchetto. Queste le dimensioni dei rincari per circa 250 prodotti del gruppo Bat. Il che vuol dire che costerà qualcosa in più il pacchetto di Camel, così come quello di MS, Fortuna, Lucky Strike e Pall Mall.

Questo aumento dei prezzi dei prodotti Bat arriva a pochi giorni di distanza dai rincari definiti dal gruppo Philip Morris per numerosi prodotti tra cui Marlboro, Merit, Diana, Multifilter e Philip Morris.

Questi piccoli provvedimenti che colpiscono al cuore l’universo dei consumatori, sono ratificati di buon grado dal direttore delle accise che le definisce delle mini-stangate, ma non delude certo il Governo che porta parecchi soldi nelle proprie casse.

Per avere un’idea del guadagno statale è sufficiente ricordare che le tasse incidono sul prezzo delle sigarette per i due terzi del prezzo e più.