Confortanti indicazioni dall’asta di Bot tenuta oggi. Il Tesoro ha collocato titoli di Stato a 3 e 12 mesi per complessivi 10 miliardi di euro con rendimenti in calo rispetto a un mese fa e domanda sostenuta. Lunedì nuovo test con l’asta di Btp a media-lunga scadenza.

Rendimento Bot annuali scende al 2,34%

Nel dettaglio sono stati collocati Bot a 12 mesi per 7 miliardi di euro (quantitativo inferiore rispetto agli 8 mld del mese scorso). Il rendimento medio è stato pari a 2,34%, in flessione rispetto al 2,84% dell’asta di titoli con analoga durata tenutasi un mese fa. Le richieste hanno superato il quantitativo offerto di 1,788 volte rispetto al bid to cover di 1,516 della precedente asta. Per quanto riguarda i titoli con scadenza a tre mesi, i 3 mld di Bot sono stati allocati al rendimento medio dello 0,865%, anche in questo caso in calo rispetto all’1,249% dell’asta di aprile. La domanda è stata pari a 2,49 volte il quantitativo offerto, in rafforzamento rispetto al bid to cover di 1,814 del mese scorso. Il 15 maggio andranno a scadere Bot per 6,6 miliardi, tutti relativi al titolo annuale.
Lunedì il Tesoro collocherà Buoni del Tesoro Poliennali (BTP) con scadenza 2015 tra un minimo di 2,5 e un massimo di 3,5 miliardi. Inoltre il MEF ha comunicato che verranno emessi BTP non più in corso di emissione con scadenza 2020, 2022, 2025 per un controvalore complessivo tra 1 e 1,75 miliardi. “La domanda dovrebbe beneficiare del fatto che la gran parte dell’ammontare sarà sul titolo a 3 anni – rimarca Vincenzo Longo, Market Strategist di IG Markets Italy – dove possono essere utilizzati i fondi della Ltro”.