Il settore delle assicurazioni non conosce crisi, almeno stando ai dati raccolti da Tecnocasa e CF assicurazioni. Stando agli ultimi dati diffusi, si stima che i premi contabilizzati del settore “danni” nei primi sei mesi del 2012 siano stati pari a circa 18,1 miliardi, in calo dello 0,8% in valore nominale rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
Per quanto attiene agli altri rami danni, che raccolgono i restanti 7,4 miliardi del totale premi, si registra una contrazione dello 0,9% rispetto al primo semestre del 2011; solo i premi del ramo RC Generale risultano in crescita (+1,3%) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Il settore “property” (incendio, altri danni ai beni, perdite pecuniarie, assistenza e tutela legale) con un volume premi di 2,9 miliardi, mostra una contrazione più contenuta (-0,7%), infine i rami infortuni e malattia presentano una percentuale di -1,5%.
Questi dati ci danno un quadro del comparto assicurativo in questa congiuntura. Dai dati forniti dall’Associazione delle Imprese di Assicurazione, sembra che il settore goda di buona salute e non risenta della crisi economica.
Il confronto tra il secondo semestre 2012 rispetto allo stesso periodo del 2011 parla chiaro: le assicurazioni evidentemente sono trainanti e anche se ben conoscono le ciclicità degli andamenti dell’economia di certo non soffrono al pari degli altri comparti.
La vendita delle polizze infortuni non mostra segni di cedimento. Sia chiaro, i clienti degli agenti assicurativi non sono diversi da quelli del settore creditizio, per cui hanno vissuto e stanno vivendo la congiuntura che tutti stiamo attraversando.  In controtendenza quindi il ramo infortuni si mantiene sostanzialmente invariato sia nel 2011 con un -0,3% sia nel secondo semestre del 2012 con un -1,5% accorpato al ramo malattia.