I premi degli RC Auto stanno aumentano in virtù dell’incremento dei sinistri, anche lievi, che crescono di numero e costringono le assicurazioni a pagare. L’Ania ha pubblicato il rapporto sul 2010 sui premi e sui pagamenti delle compagnie assicurative.

Il Presidente dell’Associazione nazionale tra le imprese assicurative, ha raccontato alla stampa l’ultimo rapporto pubblicato sul sito ufficiale e relativo alle assicurazioni stipulate e pagate nel 2010.

Il primo dato che riporta è un aumento a volte anche eccessivo, dei premi pagati dagli assicurati per l’RC Auto.

Come già spiegato in precedenza, il calcolo del premio assicurativo dipende anche dai sinistri che l’assicurazione deve pagare e che poi “spalma” su tutti gli assicurati.

Nell’ultimo anno, spiega Fabio Cerchiai, è cresciuto il numero degli incidenti anche lievi che le assicurazioni hanno dovuto in ogni caso pagare.

Il Presidente dell’Ania si lancia anche in un’analisi degli scenari futuri: una struttura federalistica dell’Italia potrebbe determinare ulteriori aumenti dell’RC Auto.

In generale, il rapporto dell’Ania spiega che i premi sono aumentati dell’11% e che gli italiani, nel 2010, hanno deciso di “acquistare” dei prodotti assicurativi, utilizzando questi come strumenti di risparmio sul medio e lungo periodo.

Sulla base del cosiddetto “rendimento minimo concordato”, i risparmiatori hanno investito e lo hanno fatto optando soprattutto per le polizze vita. A livello statistico si rileva anche un crollo degli utili da investimento.

Complessivamente si registra un risultato positivo nel bilancio tra premi ricevuti e somme pagate o da pagare.