L’assicurazione Rc Auto è obbligatoria per legge su tutti i veicoli circolanti, in caso di mancato rinnovo è possibile incorrere in pesanti sanzioni amministrative per grave infrazione al Codice della Strada che vanno dagli 841 ai 3.287 euro, con in aggiunta il sequestro del veicolo. Le spese di prelievo, trasporto e custodia del veicolo sottoposto a sequestro sono a spese dell’automobilista.

Ricordiamo poi che dal 18 ottobre 2015 è stato introdotto il cosiddetto tagliando elettronico, che consente ancora più facilmente di individuare le vetture che circolano senza assicurazione o con assicurazione scaduta.

Per evitare dimenticanze, le assicurazioni auto sono obbligate ad inviare all’assicurato un avviso di scadenza 30 giorni prima che la polizza auto cessi di avere valore. In caso di contratti con durata annuale, la polizza resta comunque valida per ulteriori 15 giorni successivi alla data di scadenza, dando così all’assicurato ulteriore tempo per provvedere al rinnovo dell’assicurazione, o alla stipula di una nuova Rc Auto con un’altra compagnia assicuratrice.

A confermare la validità dell’assicurazione nei 15 giorni successivi alla scadenza della polizza Rc Auto è stato con una Circolare del 2013 lo stesso Ministero dell’Interno nella quale specifica che “per un periodo limitato di quindici giorni dalla scadenza, l’assicurato, in attesa di sottoscrivere un altro contratto in tempo utile, durante tale periodo può continuare a esibire il certificato e il contrassegno scaduti” (Rif. Normativo Decreto Legge 179/12).

In tale intervallo di tempo la compagnia assicurativa ha l’obbligo di mantenere valida la garanzia prestata con la precedente assicurazione, anche in caso di eventuali sinistri.

In caso di assicurazione auto scaduta da oltre 15 giorni è invece bene non circolare e provvedere il prima possibile a stipulare una nuova, o rinnovare la propria, Rc Auto.

Vale la pena ricordare infine che il Codice della Strada prevede per chi circoli con documenti assicurativi falsi o contraffatti a confisca amministrativa del veicolo, la sanzione accessoria che accompagna la pecuniaria e la sospensione della patente di guida per un anno.