L’assicurazione auto è in Italia obbligatoria per legge, pena pesanti sanzioni amministrative per grave infrazione al Codice della Strada, che vanno dagli 841 ai 3.287 euro, e sequestro del veicolo. Tale assicurazione serve a coprire eventuali sinistri e danni causati dal conducente dell’auto.

Nella spiacevole eventualità di sinistro, questo va prontamente denunciato inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno alla propria compagnia assicuratrice entro 3 giorni dal fatto. Oggi molte compagnie consentono di effettuare la denuncia del sinistro direttamente online o tramite telefono.

Attenzione: trascorsi 3 giorni dal sinistro non sarà più possibile chiedere alcun risarcimento alla compagnia assicurativa.

Per la denuncia del sinistro è solitamente chiesto il modulo blu CAI (Constatazione Amichevole di Incidente), nel quale vanno inserite le informazioni circa l’incidente e i soggetti coinvolti: generalità dei conducenti, data, ora e luogo del sinistro, posizione dei veicoli, come è avvenuto il fatto, la targa dei veicoli coinvolti e la polizza da cui sono tutelati. Vanno inoltre indicate le generalità di eventuali testimoni e i loro recapiti, nonché l’eventuale presenza delle autorità di pubblica sicurezza.

Il modulo va controfirmato dalla controparte, ma può anche essere firmato solo da sé stessi nel caso in cui non si sia trovato un accordo sulla descrizione e sulla responsabilità dell’incidente.

I modulo viene solitamente consegnato all’assicurato alla stipula del contratto di assicurazione e andrebbe sempre tenuto all’interno del proprio veicolo. Qualora al momento del sinistro nessuna delle due parti ne sia in possesso, è possibile scrivere di proprio pugno le informazioni necessarie, magari contattando direttamente la propria compagnia assicuratrice per avere indicazioni in merito. Oggi alcune compagnie assicuratrici consentono di compilare il modulo direttamente sulla pagina web della compagnia.

In caso di infortuni bisogna specificare le generalità degli infortunati e l’entità dell’infortunio. Alla denuncia andranno poi allegati tutti i referti medici immediatamente successivi al fatto, ma anche quelli successivi legati all’evolversi della condizione di salute, successivamente all’incidente, più una relazione medica compilata da un sanitario che specifichi la natura dell’infortunio e le prospettive di guarigione.