La NASpI è un ammortizzatore sociale che viene concesso ai lavoratori che hanno perso il lavoro a determinate condizioni (disoccupazione involontaria, dimissioni per giusta causa) e in presenza di determinati requisiti (almeno 13 settimane di contribuzione negli ultimi 48 mesi e 30 giornate di effettiva presenza nell’anno precedente).

L’ammontare della Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego si calcola:

  • sommando le retribuzioni imponibili ai fini previdenziali degli ultimi 4 anni e dividendo il risultato per le settimane di contribuzione;
  • il totale deve essere moltiplicato per il coefficiente fisso di 4,33.

Se l’importo:

  • è pari o inferiore a 1.195 euro mensili, la NASpI corrisposta sarà pari al 75% della retribuzione indicata;
  • se superiore, si aggiunge il 25% della differenza tra la retribuzione mensile e l’importo sopra citato.

In ogni caso, la NASpI non può superare i 1300 euro mensili.Massimale e importo della prestazione sono da rivalutare ogni anno in base della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo.

Per le frazioni di mese, il valore giornaliero dell’indennità si determina dividendo l’importo calcolato come sopra per 30. Si considerano tutte le settimane, interamente o parzialmente retribuite.

Per quanto riguarda la durata della prestazione, questa viene erogata per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni (massimo 24 mesi) e dal quarto mese l’importo si riduce del 3% ogni mese.