Domanda sostenuta con rendimenti in calo nella prima asta italiana di novembre. Il Tesoro ha collocato Bot a 12 mesi per complessivi 6,5 miliardi di euro, ammontare inferiore rispetto agli 8 mld dell’asta di Bot del 10 ottobre (quando il Tesoro collocò anche Bot a 3 mesi per 3 mld). Il minore importo collocato è dettato dalle minori esigenze di cassa a seguito del buon andamento delle ultime aste e del boom del terzo Btp Italia che da solo lo scorso mese ha raccolto 18 mld. I Bot annuali sono stati allocati al rendimento medio dell’1,762% dall’1941% fatto segnare nell’asta di titoli di analoga durata tenuta lo scorso ottobre. Le richieste hanno superato il quantitativo offerto di 1,764 volte, sostanzialmente in linea con il bid-to-cover di ottobre (1,77).

Domani sarà poi il turno dell´asta di Btp triennali per 2,5-3,5 miliardi di euro e di Btp non più in corso di emissione con scadenze 2023 e 2029 per 1-1,5 miliardi di euro.

I dati diffusi oggi da bankitalia hanno evidenziato a settembre l’aumento del debito pubblico italiano a un nuovo livello record. A settembre, secondo quanto emerge dal Supplemento al Bollettino statistico di Bankitalia, il debito tricolore ha raggiunto i 1.995,1 miliardi di euro, in rialzo di 19,5 miliardi di euro rispetto al dato di agosto.