Le preoccupazioni sulle prospettive dell’area Euro si sono fatte sentore anche oggi sui mercati azionari asiatici, con tutti i principali indici che hanno chiuso in ribasso. Ieri Moody’s ha deciso di tagliare il rating della Spagna da A3 a Baa3, solo un livello sopra il livello che porterebbe i titoli spagnoli ad essere definiti spazzatura. Moody’s ha tagliato anche il rating di Cipro da Ba3 a Ba1 per le possibilità che la Grecia possa uscire dall’Euro. Il Nikkei ha chiuso in ribasso dello 0,2%, l’Hang Seng di Hong Kong dello 0,7% e l’S&P/Asx200 australiano dello 0,5%.

In attesa delle elezioni in Grecia

I volumi di scambi sui principali indici azionari sono stati ben sotto la media degli ultimi 30 giorni, evidenziando come gli investitori siano cauti in attesa dell’evoluzione della situazione in area Euro, ed in particolare delle elezioni in Grecia che si terranno nel fine settimana. Le società esportatrici hanno ancora una volta risentito della situazione sui mercati finanziari. Toyota, ad esempio, ha perso l’1,1%.

Esprit, società di abbigliamento che ha l’Europa come suo primo mercato, rimane al centro della bufera e ha perso oggi l’11,7% dopo il -21% di ieri. Hans-Joachim Koerber si è dimesso ieri da presidente della società facendo seguito alle dimissioni dell’amministratore delegato Ronald Van der Vis del giorno precedente. Queste dimissioni mettono a rischio il processo di ristrutturazione della società.