Un conto corrente di base a zero spese e senza bollo, con prelievi bancomat illimitati per risolvere il problema dei pensionati che presto non potranno più incassare in contanti il proprio assegno. È stata, infatti, presentata ieri la convenzione tra Tesoro, Banca d’Italia, banche e istituti di pagamento, in linea con quanto previsto dal decreto salva – Italia. Il nuovo conto corrente dovrebbe essere operativo da giugno.

Due diverse categorie

Le banche e Poste italiane, dal mese di giugno, offriranno il conto di tipo A, riservato a chi ha un Isee (indicatore situazione economica equivalente) inferiore ai 7.500 euro e quello di tipo B, pensato invece per chi ha reddito da pensione fino a 1.500 euro mensili (lordi). Nel primo caso è prevista l’esenzione dal bollo di 34 Euro e la gratuità di una serie di operazioni tra cui il prelievo bancomat presso lo stesso gruppo bancario, tutte le operazioni di addebito, e l’uso illimitato della carta di debito. Il tipo B, che sarà gratuito ma sottoposto all’applicazione del bollo, non prevede limiti per i bonifici ricevuti, per il prelievo bancomat presso lo stesso gruppo bancario e l’uso della carta di debito.

Secondo le stime rese note nel corso della presentazione, il conto corrente di base può essere uno strumento utilizzabile da una platea di 850mila pensionati senza conto corrente e conto postale e s’inserisce nel filone delle azioni del governo in tema di lotta all’evasione fiscale che prevede l’eliminazione del contante per le transazioni sopra i mille Euro.