Anche nell’ultimo trimestre Apple ha segnato profitti da record, ben al di sopra delle attese degli analisti. iPhone e iPad hanno fruttato alla creatura di Steve Jobs un +94% negli utili, che hanno raggiunto gli 11,6 miliardi (12,3 dollari per azione). Quasi raddoppiati rispetto ai 6 miliardi di dollari dello stesso periodo dello scorso anno. Il fatturato è cresciuto del 59% a 39,2 miliardi di dollari. Gli analisti attendevano utili per circa 10 dollari per azione su ricavi da circa 37 miliardi di dollari.

Alla base del successo l’escalation delle vendite di iPhone in Cina

Le vendita di iPhone hanno registrato anche nei primi tre mesi del 2012 un vero boom, soprattutto grazie al mercato cinese, che ha portato i melafonini a balzare a 35,1 milioni di iPhone venduti nel trimestre: il 10% in più del previsto e l’88% in più dell’anno scorso. Grande successo anche per l’iPad, le cui vendite tuttavia sono rimaste sotto le attese: sui 13 milioni di unità vendute che gli analisti aspettavano, le vendite si sono fermate a 11 milioni di pezzi. Il balzo nelle vendite è stato comunque ben del 151% in un anno.

In scia alla presentazione dei risultati il titolo Apple ha superato un progresso di 7 punti percentuali nel dopo-Borsa a Wall Street. La società di Cupertino, che resta la società a maggiore capitalizzazione al mondo, tallonata da Exxon, rappresenta circa il 4,5% dell’indice S&P500 (nonchè una fetta molto significativa del comparto tecnologico), e ha contribuito per oltre l’1,5% ai guadagni dell’indice di quest’anno.